Cleanpower: le accise non sono dovute al Fisco


Venezia. . Il consorzio Cleanpower ha ottenuto una serie di vittorie contro il fisco che pretendeva il versamento delle accise sull’energia elettrica, nonostante l’esenzione concessa nel 2003.

Sono numerose le pronunce delle commissioni tributarie provinciali di Padova, Piacenza, Pordenone, Torino, Treviso, Venezia ed altre, che tra il 2015 ed il 2016 hanno accolto le tesi di Cleanpower, difesa dall’avvocato Massimiliano Leonetti e dai dottori commercialisti Guido Gasparini Berlingieri e Marco De Marchis di GBA studio legale e tributario in Venezia.

Cleanpower, società consortile di autoproduzione che esercita attività di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili con la finalità di distribuirla ai propri soci consorziati, nel 2003 aveva ottenuto dall’ufficio delle dogane di Venezia la licenza fiscale di autoproduttore esente dall’imposta erariale di consumo e dall’accisa.

Negli anni successivi il fisco aveva inviato una serie di avvisi di accertamento pretendendo il pagamento delle accise sull’energia elettrica. Le commissioni tributarie interessate hanno accolto le tesi di Cleapower respingendo le pretese dell’amministrazione finanziaria, in quanto la società “ha omesso il versamento dei tributi – si legge in sentenza – perché regolarmente autorizzato, risultando tali autorizzazioni del tutto legittime né mai revocate dall’amministrazione”, e confermando la correttezza dell’operato di Cleanpower.

Involved fees earner: Marco De Marchis – GBA Legale e Tributario; Guido Gasparini Berlingieri – GBA Legale e Tributario; Massimiliano Leonetti – GBA Legale e Tributario;

Law Firms: GBA Legale e Tributario;

Clients: Cleanpower;

Author: Massimo Casagrande