Veneto Acque cede il Savec

BM&A Studio Legale Associato, con il partner Emilio Caucci, ha svolto il ruolo di advisor legale nell’operazione con cui lo scorso 30 dicembre Veneto Acque S.p.A. ha concluso il trasferimento principale dell’infrastruttura acquedottistica Savec.

Veneto Acque è la società della Regione del Veneto che ha trasferito l’infrastruttura ad Acquevenete SpA, Etra SpA e Veritas SpA che sono i tre gestori Veneti del servizio idrico integrato, a proprietà interamente pubblica.

L’acquedotto Savec, che è parte integrante del MO.S.A.V. (Modello Strutturale degli Acquedotti del Veneto), consente l’interconnessione degli acquedotti del Veneto Centrale e Meridionale attraverso una rete adduttrice alimentata dalle falde pedemontane del Brenta. Si tratta di un’infrastruttura costituita da 150 km di rete idrica, nuovi pozzi di prelievo per 950 l/s e nuovi serbatoi di accumulo da 7.000 mc.

Il Modello strutturale degli acquedotti del Veneto approvato nel 2000, fu introdotto per definire gli schemi delle principali strutture acquedottistiche ed assicurare il corretto approvvigionamento idropotabile nell’intero Veneto, definendo i criteri e i metodi per la salvaguardia delle risorse idriche, la protezione e la ricarica delle falde.

L’opera riveste un ruolo strategico nel sistema idrico regionale e consentirà di incrementare la sicurezza e la qualità dell’acqua potabile fornita ai cittadini veneti.

Lo schema acquedottistico percorre un’area molto vasta interna alle Province di Venezia, Padova, Rovigo e Vicenza, per servire un bacino di circa 600.000 abitanti.

Involved fees earner: Emilio Caucci – BM&A;

Law Firms: BM&A;

Clients: Veneto Acque;