Terna cede l’interconnessione Italia-Austria a Interconnector Energy Italia, Toscana Energia e a Vdp Fonderia

Nell’operazione Herbert Smith Freehills e Gianni & Origoni hanno affiancato il consorzio Interconnector Energy Italia, costituito dalle maggiori società “energivore” di Italia, BonelliErede ha prestato assistenza al Gruppo Terna.

Terna ha concluso la cessione dell’intero capitale della societa’ Resia Interconnector a Interconnector Energy Italia, consorzio che raggruppa le imprese private cosiddette energivore (consumatori industriali principalmente nei settori dell’acciaio, della carta e della chimica), al Consorzio Toscana Energia e a Vdp Fonderia.

Resia Interconnector è il titolare dell’autorizzazione per la costruzione e l’esercizio del tratto ricadente in territorio italiano dell’interconnessione in corrente alternata ad alta tensione tra Italia e Austria.

Una volta completata l’interconnessione Italia-Austria avrà una capacità complessiva di scambio sulla frontiera di 300MW, di cui 150MW concessi in esenzione a Resia Interconnector e relativi alla parte di cavidotto insistente su territorio italiano. La linea sarà costituita da un cavidotto in corrente alternata di circa 26km sul confine italo austriaco, in corrispondenza del Passo Resia.

Il valore dell’operazione per Resia Interconnector ammonta a 80 milioni di euro, corrispondenti al mandato di costruzione dovuto a Terna per le attivita’ necessarie alla realizzazione dell’opera che sara’ esercita da Terna per tutto il periodo di esenzione.

Lo studio legale Herbert Smith Freehills ha supportato il Direttore Affari Legali del gruppo Interconnector Italia, Avv. Irene Lacava con un team guidato dal Partner e Head of Practice Lorenzo Parola e composto dall’Of Counsel Simone Egidi e dall’Associate Giacomo Gavotti.

BonelliErede ha prestato assistenza al Gruppo Terna con un team integrato di partner membri del Focus Team Energia, Reti e Infrastrutture, composto dai soci Catia Tomasetti e Gabriele Malgeri per i profili di bancabilità dell’operazione e i contratti di progetto, coadiuvati dagli associate Lisa Borelli e Luigi Mazzola; il team coordinato dal partner Barbara Napolitano e composto dal senior associate Edoardo Fratini, e dagli associate Giovanni Marcarelli e Bianca Grisostomi Travaglini si è occupato degli aspetti corporate ed M&A dell’operazione. Gli aspetti di diritto amministrativo e regolamentare sono stati seguiti dal partner Raffaele Cassano; il partner Massimo Merola si è occupato dei profili Golden Power relativi all’operazione.

Per gli aspetti finanziari, Interconnector Energy Italia è stata assistita da Arcus Financial Advisors, con un team coordinato dal CEO Stefano Cassella assieme al Senior Partner Riccardo Rossitto e alla Director Stefania Gatti.

Al fine poi di garantire la bancabilità del progetto, il consorzio Interconnector Energy Italia è stato assistito dallo Studio legale Gianni & Origoni, con un team guidato dal Partner Ottaviano Sanseverino e composto dal Counsel Filippo Manaresi e dagli Associate Caterina Testa e Giulio Mandelli.

Involved fees earner: Lisa Borelli – BonelliErede; Raffaele Cassano – BonelliErede; Edoardo Fratini – BonelliErede; Bianca Grisostomi Travaglini – BonelliErede; Gabriele Malgeri – BonelliErede; Giovanni Marcarelli – BonelliErede; Luigi Mazzola – BonelliErede; Massimo Merola – BonelliErede; Barbara Napolitano – BonelliErede; Catia Tomasetti – BonelliErede; Filippo Manaresi – Gianni & Origoni; Giulio Mandelli – Gianni & Origoni; Ottaviano Sanseverino – Gianni & Origoni; Caterina Testa – Gianni & Origoni; Simone Egidi – Herbert Smith Freehills; Giacomo Gavotti – Herbert Smith Freehills; Lorenzo Parola – Herbert Smith Freehills;

Law Firms: BonelliErede; Gianni & Origoni; Herbert Smith Freehills;

Clients: Interconnector Italia S.C.p.A.; Terna spa;