Scandolara, la Cassazione si esprime sugli emolumenti retributivi di alcuni lavoratori

Gli avvocati Giorgio Antonini e Piergiovanni Alleva hanno assistito i ricorrenti nel procedimento contro Scandolara S.p.A., difesa dall’avvocato Giancarlo Perone.

I ricorrenti, lavorator presso Scandolara S.p.A., presentavano ricorso avverso la sentenza n. 156/2016 con cui la Corte d’Appello di Ancona, previa riunione di plurimi processi d’appello, aveva confermato alcune sentenze di primo grado che avevano accolto le opposizioni proposte da Scandolara s.p.a. avverso i decreti ingiuntivi ottenuti da Bernardino Petrucci e gli altri lavoratori nei confronti della societa` per il pagamento di emolumenti retributivi aggiuntivi, relativi al primo trimestre 2013, previsti da un accordo collettivo aziendale dal quale la societa` datrice aveva dichiarato di voler recedere a far data dal gennaio dello stesso anno.

La Corte ha dichiarato estinto il giudizio di cassazione per Pierluigi Celani, Pietro Tulli, Emidio Regoli, Bruno Cappelli, Filippo Celani e Aldo Consorti. Rigettato il ricorso nei confronti degli altri ricorrenti. 

Involved fees earner: Piergiovanni Alleva – Alleva Studio legale; Giorgio Antonini – Avvocato Antonini Giorgio; Gian Carlo Perone – Perone & Salvatori;

Law Firms: Alleva Studio legale; Avvocato Antonini Giorgio; Perone & Salvatori;

Clients: Cappelli Bruno; Capriotti Corrado; Celani Filippo; Celani Pierluigi; Cellini Emidio; Consorti Aldo; Conti Claudio; Di Lorenzo Pietro; Leli Giuseppe; Petrucci Bernardino; Regoli Emidio; Scandolara S.p.A.; Tarli Rossano; Tulli Pietro;

Author: Sonia Carcano