Saipem cede a KCA Deutag le attività Drilling Onshore

PwC TLS e PwC Advisory e hanno supportato con successo Saipem nella cessione della sua Divisione Drilling Onshore a KCA Deutag.

Saipem S.p.A. ha annunciato la firma di un accordo vincolante con KCA Deutag per la vendita della totalità delle sue attività di Drilling Onshore a fronte di un corrispettivo in denaro di 550 milioni di dollari oltre a una partecipazione del 10% in KCAD dopo l’acquisizione da parte di quest’ultima del Drilling Onshore di Saipem.

Saipem opera con le sue attività di perforazione onshore a livello globale al di fuori dell’Italia, con particolare focalizzazione sul Medio Oriente e sulle Americhe, in 13 Paesi, con circa 4.000 persone e un portafoglio di 83 impianti di perforazione a terra di proprietà.

KCA Deutag è un’azienda leader nel settore delle perforazioni, dell’ingegneria e della tecnologia, che opera sia a terra che a mare. Gestisce circa 110 impianti di perforazione in 20 Paesi ed impiega 8.300 persone. Nell’esercizio 2021 KCAD ha registrato un fatturato consolidato di 1.196 milioni di dollari e un EBITDA Adjusted di 237 milioni di dollari. L’indebitamento netto consolidato alla fine dell’anno 2021 era di 396 milioni di dollari.

L’aggiunta delle attività Drilling Onshore di Saipem in KCAD, che è già tra i più rinomati operatori internazionali di perforazione, porterà ulteriori opportunità di creazione di valore grazie alle sinergie operative e all’esperienza portata da Saipem; a sua volta, Saipem potrà trarre beneficio dalla sua partecipazione di minoranza nell’entità così potenziata.

Inoltre, l’operazione rappresenta per Saipem un ulteriore passo verso un modello di business più focalizzato e resiliente, basato sui trend di crescita dei propri mercati di riferimento, concentrando gli sforzi nel settore delle trivellazioni offshore e sostenendo al contempo il raggiungimento degli obiettivi di struttura di capitale e di liquidità.

I proventi della transazione miglioreranno la liquidità di Saipem, riducendo l’indebitamento netto e sostenendo la realizzazione del suo piano industriale 2022-25.

PwC TLS ha operato con un team coordinato da Nicola Broggi, composto da Andrea Brignoli e Mariangela Vittoria Cottali per la Due Diligence fiscale e il tax structuring e con un team coordinato da John Shehata con Eugenia Guarda Nardini e Luca Saglione rispettivamente per gli aspetti legali e HR.

PwC Advisory ha operato con un team coordinato da Massimo Benedetti, Angela Bellomo, Raffaele Cestari e Monia Giustozzi e composto da Giuseppe Fareri, Carlo Carrieri e Simone Infante per la Due Diligence Finanziaria e Daniele Castellini, Andrea Guerrini e Doriana Dallara per il di Carve-out.

Nell’ambito dell’operazione, Saipem è stata inoltre assistita da J.P. Morgan e Lazard.

Involved fees earner: Angela Bellomo – PwC; Monia Giustozzi – PwC; Luca Saglione – PwC; Massimo Benedetti – PwC Tax & Legal; Andrea Brignoli – PwC Tax & Legal; Nicola Broggi – PwC Tax & Legal; Raffaele Cestari – PwC Tax & Legal; Mariangela Cottali – PwC Tax & Legal; Eugenia Guarda Nardini – PwC Tax & Legal; John Shehata – PwC Tax & Legal;

Law Firms: PwC; PwC Tax & Legal;

Clients: Saipem;