Il Consiglio di Stato respinge il ricorso proposto da Ladisa S.r.l.

Nel procedimento Ladisa s.r.l. è stata rappresentata e difesa dall’avvocato Vito Aurelio Pappalepore.
La Provincia di Brindisi è stata rappresentata e difesa dall’avvocato Mario Marino Guadalupi.
La S.I.A.R.C. s.p.a. è stata rappresentata e difesa dall’avvocato Francesco Izzo.

Con bando di gara pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana il 10 maggio 2019 la S.u.a. – stazione unica appaltante costituita presso la Provincia di Brindisi indiceva, per conto del Comune di Mesagne, una procedura di gara, da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, per l’affidamento del servizio di ristorazione scolastica comunale per la durata di quattro anni e un valore complessivo di € 1.656.469,512 oltre Iva. Con ricorso al Tribunale amministrativo regionale per la Puglia, Ladisa s.r.l. impugnava il bando di gara per aver escluso la ribassabilità del costo della manodopera. Nel giudizio si costituivano la S.u.a. e il r.t.i. SIARC s.r.l.

Il giudice di primo grado ichiarava improcedibile per cessazione della materia del contendere il ricorso introduttivo del giudizio e respingeva i quattro motivi aggiunti. Propone appello Ladisa s.r.l.; si è costituita la S.u.a. costituita presso la Provincia di Brindisi e la S.I.A.R.C. s.p.a. nella qualità indicata in epigrafe.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta), definitivamente pronunciando sull’appello, come in epigrafe proposto, lo respinge. Condanna Ladisa s.r.l. al pagamento delle spese del presente grado del giudizio, che liquida in complessivi € 10.000,00 oltre accessori e spese di legge, a favore della Società industrie alimentari ristorazioni collettive s.p.a. e della Provincia di Brindisi.

Involved fees earner: Vito Aurelio Pappalepore – Pappalepore;

Law Firms: Pappalepore;

Clients: Ladisa S.p.A.; Provincia di Brindisi;

Author: Alejandro Girola