General Motors vince al Consiglio di Stato sul presunto cartello dei finanziamenti auto

Nell’ambito del procedimento, lo studio legale Nunziante Magrone ha assistito con successo General Motors Company.

Il Consiglio di Stato ha definitivamente confermato l’annullamento del provvedimento sanzionatorio dell’AGCM con cui nel 2019 erano state irrogate sanzioni per un totale di 678 milioni di euro a carico dei principali gruppi automobilistici attivi in Italia, delle relative captive banks e delle associazioni di categoria Assilea e Assofin, e in relazione ad una asserita intesa anticoncorrenziale.

Già il TAR Lazio aveva annullato il provvedimento e le relative maxi-sanzioni nel 2020 in accoglimento di motivi sia procedurali che sostanziali evidenziati dallo studio Nunziante Magrone.

Il Consiglio di Stato, a poco più di un anno da questa decisione, con la sentenza n. 834/2022, chiude definitivamente la vicenda annullando una delle sanzioni complessivamente più elevate mai irrogate.

General Motors Company è stata assistita nel procedimento dal team antitrust di Nunziante Magrone composto dall’of counsel Nicola Ceraolo e dall’associate Laura Sini.

Nel procedimento Altroconsumo è stata rappresentata e difesa dall’avvocato Giorgio Afferni.

Involved fees earner: Giorgio Afferni – Afferni Giorgio; Nicola Ceraolo – Nunziante Magrone; Laura Sini – Nunziante Magrone;

Law Firms: Afferni Giorgio; Nunziante Magrone;

Clients: Altroconsumo; General Motors;