Veronafiere lancia la piattaforma ‘Wine To Asia’ in partnership con la Shenzhen Taoshow Culture & Media


Lo studio legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners ha assistito Veronafiere SpA nella joint venture con Shenzhen Taoshow Culture & Media, società che fa parte della Pacco Communication Group Ltd, per la creazione di “Wine To Asia”, la nuova piattaforma multicanale di Veronafiere di cui la Spa veronese detiene la quota di maggioranza.

Quello asiatico è considerato il più grande e promettente mercato per il vino e Vinitaly è considerato il brand forte del vino italiano in Cina. L’accordo con Pacco Communication Group Ltd, tra le aziende più importanti in Cina nella realizzazione di eventi e di fornitura di servizi digitali avanzati dedicati ai settori wine&food e lifestyle, mira a promuovere e incrementare l’esportazione del vino italiano in Asia.

Il progetto Wine To Asia debutterà nel 2020 nella Greater Bay Area, a Shenzhen, una delle città più dinamiche della Cina nel quale sono presenti il 30% degli importatori totali di vino. La terza città per importanza economica dopo Pechino e Shanghai, è considerata inoltre la città dell’innovazione e della comunicazione digitale. L’evento, la prima kermesse organizzata direttamente da un fiera italiana in terra asiatica, è b2b e prevede, nella fase di start up, la presenza di 400 espositori.

GOP – tramite la sua sede di Hong Kong – ha assistito Veronafiere SpA con un team guidato dal partner Stefano Beghi e composto dagli associates, Joanne Zhu e Sam Zhang, nonché dalla consulente Sue Yang del China Desk italiano.

Involved fees earner: Stefano Beghi – Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners; Sue Yang – Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners; Sam Zhang – Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners; Joanne Zhu – Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners;

Law Firms: Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners;

Clients: Veronafiere S.p.A.;