SisalPay emette obbligazioni senior a tasso variabile per 530 milioni

Gli studi Latham & Watkins, Annunziata & Conso, Facchini Rossi Michelutti, Cravath e Linklaters hanno assistito le parti nell’operazione.

SisalPay, società controllata da Sisal Group, portfolio company del fondo di private equity CVC, ha concluso con successo il collocamento di obbligazioni senior, a tasso variabile, garantite e non convertibili per complessivi 530 milioni di euro. Le obbligazioni avranno scadenza nel 2026 e un tasso di interesse pari all’Euribor tre mesi più uno spread del 3,875% su base annua.

L’emissione è funzionale all’annunciata operazione relativa alla costituzione di una nuova realtà, partecipata al 70% da Sisal Group e al 30% da Banca 5, società del gruppo Intesa Sanpaolo, che consentirà di offrire prodotti bancari e servizi di pagamento e transazionali in oltre 50mila esercizi distribuiti sull’intero territorio nazionale.

Latham & Watkins ha assistito SisalPay, con un team composto dal socio Antonio Coletti e dagli associate Guido Bartolomei, Marta Carini e Lorenzo Rovelli per gli aspetti di diritto italiano e dal socio Jocelyn Seitzman e dagli associate Jemma McPherson, Taylor Mullings e Jessica Burke per gli aspetti di diritto statunitense. I soci Marcello Bragliani e Jay Sadanandan, assistiti dagli associate Alessia De Coppi, Nicola Nocerino e William Lam hanno seguito i profili banking.

Il network Annunziata & Conso ha seguito, insieme a Latham & Watkins, gli aspetti regulatory dell’operazione, con un team composto dal Professor Filippo Annunziata e Antonio Di Giorgio.

Lo Studio Legale Tributario Facchini Rossi Michelutti ha assistito la società per gli aspetti fiscali con un team composto dai soci Luca Rossi, Marina Ampolilla, Giancarlo Lapecorella e dall’associate Andrea Basi.

I Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners, UBS Investment Bank e Banca IMI e i Joint Bookrunners, BNP Paribas, Deutsche Bank e HSBC e Nomura, sono stati assistiti per gli aspetti di diritto statunitense da Cravath e per gli aspetti di diritto italiano e inglese dallo studio Linklaters con un team guidato da guidato dal partner Andrea Arosio e composto dal managing associate Diego Esposito e dagli associate Daniele Sutto e Maria Chiara De Biasio per gli aspetti di diritto italiano e dal partner Adam Freeman e dal managing associate Pathik Gandhi per gli aspetti di diritto inglese. Linklaters ha inoltre assistito le banche i per gli aspetti fiscali del bond con un team composto dal partner Roberto Egori e dall’associate Sergio Merlino.

Involved fees earner: Filippo Annunziata – Annunziata & Conso; Antonio Di Giorgio – Annunziata & Conso; Marina Ampolilla – Facchini Rossi Michelutti; Andrea Basi – Facchini Rossi Michelutti; Giancarlo Lapecorella – Facchini Rossi Michelutti; Luca Rossi – Facchini Rossi Michelutti; Guido Bartolomei – Latham & Watkins; Marcello Bragliani – Latham & Watkins; Jessica Burke – Latham & Watkins; Marta Carini – Latham & Watkins; Antonio Coletti – Latham & Watkins; Alessia De Coppi – Latham & Watkins; William Lam – Latham & Watkins; Jemma Lohr McPherson – Latham & Watkins; Taylor Mullings – Latham & Watkins; Nicola Nocerino – Latham & Watkins; Lorenzo Rovelli – Latham & Watkins; Jocelyn Seitzman – Latham & Watkins; Andrea Arosio – Linklaters; Maria Chiara De Biasio – Linklaters; Roberto Egori – Linklaters; Diego Esposito – Linklaters; Pathik Gandhi – Linklaters; Sergio Merlino – Linklaters; Daniele Sutto – Linklaters;

Law Firms: Annunziata & Conso; Facchini Rossi Michelutti; Latham & Watkins; Linklaters;

Clients: Banca IMI; BNP Paribas; Deutsche Bank; HSBC; Nomura; SisalPay S.p.A.; UBS Investment Bank;