Secondo buy-back di BTP Italia per 3,8 miliardi di Euro

La Repubblica Italiana ha effettuato un buy-back da 3,8 miliardi di Euro avente ad oggetto il BTP Italia con scadenza 23 aprile 2020, ad oggi una delle più grandi emissioni di un titolo di Stato in Europa.

Contestualmente al buy-back, la Repubblica Italiana ha collocato, tramite sindacato, ulteriori tranche di cinque emissioni di BTP per un importo complessivo di 3,8 miliardi di Euro.

Banca IMI S.p.A., Unicredit S.p.A. e MPS Capital Services hanno agito nel contesto delle operazioni di buy-back e collocamento tramite sindacato quali Dealer Managers e Joint Lead Managers.

Il team di Simmons & Simmons che ha assistito Banca IMI, Unicredit e MPS Capital Services nella strutturazione dell’operazione e predisposizione della relativa documentazione è stato guidato dal partner Paola Leocani e ha incluso il supervising associate Pietro Magnaghi.

Il team di Jones Day che ha assistito i Dealer Managers/Joint Lead Managers in relazione conformità del decreto di riacquisto ed emissione al Tender Offer Memorandum rilasciando i relativi pareri a beneficio delle banche è stato guidato dal partner Piergiorgio Leofreddi ed ha incluso l’associate Carolina Caslini.

 

Involved fees earner: Carolina Caslini – Jones Day; Piergiorgio Leofreddi – Jones Day; Paola Leocani – Simmons & Simmons; Pietro Magnaghi – Simmons & Simmons;

Law Firms: Jones Day; Simmons & Simmons;

Clients: Banca IMI; Mps Capital Services; Unicredit S.p.A.;