SanLorenzo Spa ottiene dalla WIPO la ri-assegnazione di quattro domini contenenti il nome “sanlorenzo”


Lo studio WebLegal ha assistito SanLorenzo S.p.A. nella procedura di ri-assegnazione di quattro nomi a dominio contenenti il nome “sanlorenzo” unitamente alla parola “sucks”, utilizzata in varie posizioni con il suo fine di danneggiare l’azienda italiana.

La decisione, presa da un collegio formato da tre arbitri secondo le regole della World Intellectual Property Organization (WIPO) sancisce, inter alia, un limite al diritto di cd. free speech, ovvero la possibilità di proporre una critica nei confronti di un determinato soggetto.

Nel caso in oggetto, gli arbitri hanno rivelato come effettivamente i siti fossero stati costruiti in maniera artatamente speculare al solo fine di screditare l’attività della SanLorenzo S.p.A., con descrizioni ed immagini capziose che, in mala fede, danneggiavano la stessa. Per tale ragione, è stato disposto il trasferimento dei quattro nomi a dominio in favore della SanLorenzo S.p.A., uno dei quali era stato già oggetto di una precedente procedura di ri-assegnazione, riaperta da WebLegal (cd. re-filing) sulla base di nuove evidenze.

Fondata nel 1959, la società SanLorenzo S.p.A., con sede ad Ameglia (La Spezia) e divisioni a Viareggio e Massa, rappresenta una delle eccellenze italiane nel settore dei cantieri navali, collocandosi al secondo posto della Global Order Book, la classifica dei venti maggiori costruttori di imbarcazioni superiori ai 24 metri di lunghezza.

Lo studio WebLegal ha fornito assistenza con un team guidato dai soci Roberto Manno e Sabino Sernia, coadiuvati dall’associate Domenico Piero Muscillo.

Involved fees earner: Roberto Manno – WebLegal; Domenico Muscillo – WebLegal; Sabino Sernia – WebLegal;

Law Firms: WebLegal;

Clients: Sanlorenzo S.p.A.;