Kryalos SGR acquisisce lo storico palazzo in via Armorari 4 a Milano

EY ha agito al fianco del fondo Kensington – gestito da Kryalos SGR, affiancato da Di Tanno Associati, e sottoscritto da Allianz Real Estate – nella sottoscrizione del contratto preliminare per l’acquisizione da Crédit Agricole Italia, assistita da DLA Piper, del complesso immobiliare di Via Armorari, 4 a Milano.

Allianz Real Estate (quotista del Fondo Kensington) e Kryalos SGR (società di gestione del Fondo Kensington) hanno sottoscritto il contratto preliminare per l’acquisizione da Crédit Agricole Italia del complesso immobiliare di Via Armorari, 4 per un valore complessivo di 140 milioni di euro.

L’investimento è stato realizzato attraverso il fondo Kensington – gestito da Kryalos SGR – da Allianz Real Estate per conto di diverse società del Gruppo Allianz, e consiste, più nel dettaglio, in un’operazione di sale and lease back in base alla quale, contestualmente al perfezionamento dell’acquisizione dell’immobile, sarà firmato un contratto di locazione per l’intero stabile, che resterà una delle sedi più importanti a Milano di Crédit Agricole Italia.

Il complesso immobiliare è situato nel centro storico di Milano, nei pressi di piazza Cordusio, di fronte alla sede della Banca d’Italia, e si sviluppa su 6 piani fuori terra ad uso uffici e filiale bancaria e 2 piani interrati per una superficie lorda di circa 10.800 mq.

La facciata è caratterizzata dalla grande galleria d’ingresso al piano terra che è utilizzato principalmente come filiale bancaria, mentre i piani superiori ospitano le zone uffici.

L’investimento, del valore complessivo di 140 milioni di euro, consiste in un’operazione di “sale and lease back” in base alla quale – contestualmente al perfezionamento dell’acquisizione dell’immobile – sarà firmato un contratto di locazione per l’intero stabile, che resterà una delle sedi più importanti a Milano di Crédit Agricole Italia.

Nell’ambito dell’operazione, EY ha assistito il fondo Kensington per gli aspetti fiscali della strutturazione dell’investimento e di due diligence con un team coordinato da Alessandro Padula e composto da Aurelio Pensabene, Mario Naydenov e Chiara Limido.

Di Tanno Associati ha prestato la propria assistenza con particolare riguardo ai profili contrattuali relativi al fondo immobiliare, ai rapporti con l’investitore ed alla disciplina del mercato finanziario, con un team guidato dal socio responsabile dell’Area Legale Roberto Della Vecchia insieme al socio Emanuele Marrocco, coadiuvati dall’associate Mirko Lacchini.

DLA Piper ha assistito il venditore con un team guidato dal partner Francesco De Blasio e composto dagli avvocati Francesco Calabria e Giorgia Frisina per la parte investment e da Carlotta Benigni per i profili fiscali.

Il team di Allianz Real Estate che ha seguito l’operazione è composto da Fulvio Delaiti, Head of Asset Management, Michele Sarhan, Head of Acquisition, e Domenico Ancona, associate Real Estate transaction.

Involved fees earner: Roberto Della Vecchia – Di Tanno e Associati; Mirko Lacchini – Di Tanno e Associati; Emanuele Marrocco – Di Tanno e Associati; Carlotta Benigni – DLA Piper; Francesco Calabria – DLA Piper; Francesco De Blasio – DLA Piper; Giorgia Frisina – DLA Piper; Chiara Limido – EY; Mario Naydenov – EY; Alessandro Padula – EY; Aurelio Pensabene – EY;

Law Firms: Di Tanno e Associati; DLA Piper; EY;

Clients: Crédit Agricole Italia; Kryalos SGR S.p.A.;

Author: Andrea Canobbio