Il TAR Lazio consente ai corsisti di Medicina generale di partecipare al concorso del MIUR


Lo studio legale Bonetti & Delia ha prestato assistenza con successo ai ricorrenti innanzi al TAR Lazio sul concorso che coinvolge oltre 24.000 medici consentendo ai corsisti di Medicina generale di partecipare al concorso.

La decisione del T.A.R. Lazio supera quella cautelare del Consiglio di Stato di qualche settimana addietro che aveva invece escluso dalla partecipazione al concorso tali medici evidenziando che tale scelta “non può giustificarsi neanche nell’ottica dell’ampliamento più esteso possibile della platea di coloro “che aspirano a specializzarsi per la prima volta” (vedi l’ordinanza Cons. Stato sopracitata) e ciò per la semplice ragione che in tale platea da ampliare rientrano, in realtà, anche gli odierni ricorrenti che non sono ancora iscritti in alcun corso di SSM, frequentando un percorso ontologicamente diverso, per contenuti e prospettive professionali, quale è il corso di “formazione specifica” (che non è, appunto, un corso di specializzazione)“.

La Sezione Terza del T.A.R. Lazio, con sentenza 12355/2020, ha fatto propri gli argomenti spesi in ricorso circa l’oggettiva diversità dei due corsi evidenziando che “i due corsi in oggetto sono oggettivamente eterogenei – atteso che quella di Medicina Generale non è una specializzazione ma un corso di formazione specifica e che le due realtà si pongono su diversi livelli di progressione nella formazione di più alto livello – al contrario di quanto stabilito dal bando (art. 4) e dal Regolamento (D.M. 10 agosto 2017, n. 130, art. 2), ad avviso del Collegio, non è né legittimo né logico pretendere la preventiva rinuncia da parte del medico iscritto al corso di formazione specifica e costringere lo stesso ad una scelta irreversibile che agisce, inevitabilmente, quale coazione psicologica a desistere dall’intraprendere la strada della specializzazione”.

“Sempre nella prospettiva di una interpretazione costituzionalmente orientata della norma in questione“, continua il T.A.R., “il Collegio sottolinea che il diritto allo studio ex art. 34 Cost. comprende anche la libertà di mutare il campo dell’esercizio professionale, di conseguenza il forte condizionamento della scelta del settore formativo-professionale che le disposizioni impugnate (regolamentare e del bando SSM) arrecano nei confronti degli iscritti a Medicina Generale, va a ledere un valore costituzionale, dovendosi anche considerare che sono notoriamente assai limitate, per un medico laureato ed abilitato, le possibilità d’inserirsi (come dipendente o come libero professionista) in un qualsiasi ambito professionale, senza avere conseguito il titolo di specializzazione“.

Anche al T.A.R. è apparsa come “un’ingiustificata disparità di trattamento rispetto ai soggetti che siano già iscritti alle scuole di specializzazione medica ai quali non è imposta dal bando alcuna rinuncia preventiva al corso che stanno frequentando, ma una ben più limitata “penalizzazione” – non tale, comunque, da condizionare l’accesso stesso al concorso – afferente alla valutazione dei punteggi“, ferma restando la possibilità di tale categoria di soggetti di partecipare liberamente al concorso, senza alcun onere di abbandonare preventivamente la scuola di SSM frequentata.

Il team dello studio legale Bonetti & Delia era composto dai founder name Santi Delia e Michele Bonetti.

Involved fees earner: Michele Bonetti – Bonetti & Partners; Santi Delia – Santi Delia Studio Legale;

Law Firms: Bonetti & Partners; Santi Delia Studio Legale;

Clients: Di Benedetto Chiara; Orazietti Enrica; Peccarisi Michele Gianmarco; Travaglini Chiara Stella;

Author: Andrea Canobbio.