Green Arrow Capital acquisisce la maggioranza della marchigiana Labware


Gli studi Orrick, KPMG e Caravati Pagani, EY e DLA Piper hanno assistito le parti nell’operazione.

Green Arrow Capital SGR, attraverso il fondo di Private Equity “GAPEF3”, ha acquisito la maggioranza di Labware, società marchigiana attiva da oltre 20 anni nel mercato dei POS per la ristorazione.

La società, nata come produttore di puro hardware (realizzava palmari), negli anni ha sviluppato un software proprietario, che l’ha portata oggi a proporsi sul mercato del food service e del retail con un sistema integrato (c.d. “E-Pos”) in grado di supportare gli applicativi gestionali e tutti gli altri device necessari per la gestione del punto vendita (quali stampanti e palmari).

Labware offre inoltre una serie di APP customizzabili per il monitoraggio del punto vendita e la fidelizzazione e l’analisi dei dati della clientela (data analytics). Tale soluzione integrata è presente sul mercato dal 2010 e ha permesso a Labware di valorizzare il suo posizionamento competitivo con una marginalità significativa, realizzando il suo fatturato principalmente in Francia ed in via residuale in Italia.

Obiettivo del Fondo Green Arrow Private Equity 3 è quello di sviluppare la partecipata in un percorso di crescita dimensionale fornendo il supporto necessario per un incremento sia della struttura manageriale che del suo posizionamento sia nazionale che internazionale nel mercato di riferimento.

Il Team di Green Arrow Capital SGR S.p.A. che ha lavorato sull’operazione è stato composto da Daniele Camponeschi, CIO della SGR, Francesca Chiara Gennaro, Investment Director dell’area Private Equity e Giorgio Fenili, Associate del Team di Private Equity.

Lo studio legale Orrick ha assistito Green Arrow Capital con un team coordinato dai partner Patrizio Messina ed Annalisa Dentoni-Litta, era composto dagli of counsel Paola Barometro e Nicolò Del Dottore, dall’associate Federico Urbani e dall’attorney trainee Cristiana Montesarchio

Per lo studio KPMG ha agito un team guidato dai Partner Massimiliano Battaglia e Giacomo Perrone (per la due diligence contabile e fiscale e la strutturazione dell’operazione) e lo studio Caravati Pagani (per l’assistenza societaria e la fusione).

Il Dott. Pagnanini è stato assistito da EY in qualità di advisor finanziario con il team composto da Gianni Panconi, Partner della divisione M&A, Orazio Bocchieri e Nicoletta Cassano.

DLA Piper ha assistito Labware con un team coordinato dal partner Alessandro Piermanni e composto dal partner Chiara Anceschi con Barbara Donato, Marianna Busetti, Silvana Bonazzi e Margherita Rossi.

Involved fees earner: Chiara Anceschi – DLA Piper; Silvana Bonazzi – DLA Piper; Marianna Busetti – DLA Piper; Barbara Donato – DLA Piper; Alessandro Piermanni – DLA Piper; Margherita Rossi – DLA Piper; Orazio Bocchieri – EY Law; Nicoletta Cassano – EY Law; Gianni Panconi – EY Law; Massimiliano Battaglia – KPMG; Giacomo Perrone – KPMG; Paola Barometro – Orrick; Nicolò Del Dottore – Orrick; Annalisa Dentoni-Litta – Orrick; Patrizio Messina – Orrick; Cristiana Montesarchio – Orrick; Federico Urbani – Orrick;

Law Firms: DLA Piper; EY Law; KPMG; Orrick;

Clients: Green Arrow Capital; Labware S.p.A.; Pagnanini Paolo;