Fahrenheit vince contro il Fisco


È stata la Commissione Tributaria Regionale del Veneto, presieduta dal giudice Paolo Corder, a dare ragione a Fahrenheit srl, assistita dalla commercialista vicentina Mara Pilla partner DTA, contro le pretese del Fisco.

Si tratta di una vicenda nata nella seconda metà degli anni 2000 quando l’Agenzia delle Entrate aveva contestato a HDA Due srl (ora Fahrenheit srl), che all’epoca dei fatti si occupava della attività di logistica distributiva delle riviste dell’editore E-Polis, i costi di produzione relativi alle fatture ricevute dal fornitore Edilmec Veronesi, a cui aveva appaltato la distribuzione delle riviste nella provincia di Verona. L’avviso di accertamento dal Fisco riguardava le imposte Ires, Irap ed Iva dell’anno 2006.

In primo grado la Commissione Tributaria Provinciale di Vicenza aveva accolto il ricorso ed annullato l’avviso di accertamento, dando ragione a Fahrenheit e condannando l’Agenzia delle Entrate al pagamento delle spese. Secondo la sentenza il Fisco, in violazione dello Statuto del Contribuente, non aveva rispettato il contraddittorio procedimentale prima della notificazione dell’accertamento. I giudici tributari vicentini avevano ritenuto che se l’Agenzia delle Entrate avesse correttamente instaurato il contraddittorio con il contribuente “avrebbe valutato gli elementi impositivi con conclusioni diverse da quelle riportate negli avvisi di accertamento”.

In secondo grado la CTR del Veneto, chiamata a pronunciarsi sul ricorso del Fisco, ha dichiarato infondato l’appello e, con sentenza pubblicata lo scorso 23 luglio, ha confermato le ragioni dell’azienda contribuente.

Involved fees earner: Mara Pilla – Pilla DTA – Difensori Tributari Associati;

Law Firms: Pilla DTA – Difensori Tributari Associati;

Clients: Fahrenheit ;