De Pardieu Brocas Maffei: una strategia internazionale fondata sull’indipendenza

Thierry Brocas è uno dei soci fondatori dello studio De Pardieu Brocas Maffei. La sua attività si concentra nei settori delle fusioni e acquisizioni, acquisition finance, leveraged buy-outs e ristrutturazioni.

D: Avvocato Brocas, come descriverebbe l’andamento dell’M&A in Francia nel 2014?

R: All’inizio dell’anno abbiamo assistito ad alcune operazioni molto grosse, che sono quindi state seguite da una ripresa del mid-market un segmento di mercato, a mio avviso, in salute e piuttosto promettente per il futuro.

D: In quali settori industriali è stato maggiormente coinvolto il vostro studio?

R: Siamo stati impegnati in diverse operazioni nel settore della grande distribuzione, soprattutto a fianco del gruppo Carrefour. Quello della distribuzione e del commercio al dettaglio è un settore molto attivo, soprattutto considerando che i maggiori player sono francesi. Abbiamo anche lavorato nel settore assicurativo, ad esempio con CPN Assurances per i quali abbiamo seguito un progetto strategico molto importante. Menzionerei quindi il comparto immobiliare in quanto, come saprete, diversi fondi d’investimento e fondi pensione sono sempre più interessati ad acquisire proprietà soprattutto nell’area di Parigi. In questo settore abbiamo assistito realtà come Gecina, Eurosic e Tishman Speyer in alcune grandi operazioni aventi oggetto asset commerciali.

D: Due parole sul Venture Capital in Francia, oggi.

R: In Francia i fondi di private equity hanno operato essenzialmente nel segmento mid-market e, soprattutto, hanno cercato di diversificare al massimo i propri portafogli. Direi che l’andamento è positivo nonostante la recente introduzione di alcune norme regolamentari e fiscali, ad esempio sul capital gain, potrebbero scoraggiare gli investimenti. Dal canto nostro abbiamo assistito fondi come Nixen Partners, 21 Centrale Partners, Five Arrows Mezzanine (Rothschild) ed EPF Partners.

Thierry Brocas
Thierry Brocas

D: Altri settori degni di nota?

R: Citerei senz’altro l’energia con alcuni distinguo. Sul fronte delle rinnovabili il fotovoltaico ha sofferto meno del previsto nonostante i tagli agli incentivi, ma l’appetito degli investitori oggi è focalizzato sull’eolico. Per quanto concerne le fonti tradizionali, il settore delle biomasse rimane molto attrattivo.

D: E’ stato un anno impegnativo!

R: Certo, siamo stai coinvolti su diversi fronti dell’economia francese. Ad esempio abbiamo assistito Ramsay Health Care Ltd. e Crédit Agricole Assurances nel takeover di Générale de Santé, un’operazione da 945 milioni di euro.

D: Qual è la strategia di crescita dello Studio?

R: Lo Studio De Pardieu nasce nel 1993 dall’iniziativa di diversi avvocati provenienti da law firm francesi ed internazionali operanti in Francia con l’intenzione di creare una struttura Indipendente leader sul mercato francese. Ci manteniamo fedeli a questo progetto e – dopo diversi anni di crescita – sono personalmente sempre più convinto di come questa strategia, che occorre rilevare è stata perfettamente compresa dai clienti, possa risultare funzionale agli obiettivi di crescita che la nostra struttura si è posta.

D: Per quanto attiene alle operazioni cross border?

R: I nostri soci hanno sviluppato un capitale di relazioni con referenti in molte delle più importanti e dinamiche giurisdizioni. Questo capitale di relazioni e competenze ci permette di operare a livello internazionale garantendo sempre ai clienti l’individuazione delle migliori opzioni.

D: Per quanto attiene la crescita invece?

R: Anche nel 2014 lo Studio è riuscito a crescere per linee interne e attraverso una serie di lateral hire mirati su professionalità di assoluto standing e focalizzate nelle aree di pratica strategiche per la crescita della nostra struttura.

D: Il settore del Restructuring è una delle aree di eccellenza di Brocas De Pardieu

R: Lo Studio in effetti è diventato un punto di riferimento in questo settore che, sfortunatamente, anche in questo ultimo anno è cresciuto in maniera costante. Proprio in quest’area infatti la nostra struttura è cresciuta ulteriormente con la promozione di un nuovo socio. Nei prossimi giorni credo infine potrà essere comunicato un nuovo rafforzamento dello Studio in un settore che riteniamo di grande interesse e dove abbiamo individuato un professionista di sicuro valore.

D: Non vuole proprio dirci di chi si tratta?

R: Per ora no.

D: Come vede evolversi il mercato Europeo nei i prossimi 3 anni?

R: In effetti mi piacerebbe molto saperlo! In ogni caso ritengo che il processo di concentrazione avviato negli scorsi anni abbia esaurito molto della sua spinta e non vedo all’orizzonte ulteriori grandi fusioni tra studi così come non credo che ci sia all’orizzonte nessun nuovo sbarco di rilievo da parte di studi Internazionali. Non vedo insomma operazioni “di sistema” e ritengo che in Europa continueranno coesistere grandi studi indipendenti e le law firm internazionali.

 

De Pardieu Brocas Maffei

Established in 1993, De Pardieu Brocas Maffei ranks among the top business law firms in France. The firm has more than 110 lawyers, including 33 partners, and its practice covers all the main areas of business law.

De Pardieu Brocas Maffei