Arbitrato per la proprietà di Esselunga. Giuliana Albera e la figlia Marina deterranno il 100% del capitale


Gli studi legali White & Case, Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners, Linklaters e BonelliErede sono stati al fianco delle parti nel procedimento.

Si è concluso l’arbitrato iniziato nel gennaio 2019 quando Giuliana Albera e Marina Caprotti decisero di esercitare la call per arrivare a detenere l’intero capitale di Esselunga.

Lo scorso 20 marzo è terminata la procedura per determinare il valore di Supermarkets Italiani, che detiene il 100% della catena di supermercati, e mette fine alla controversia fra gli eredi di Bernardo Caprotti, con l’acquisto da parte della moglie Giuliana Albera e della figlia Marina del 30% dai due figli di primo letto del fondatore.

Dopo la pronuncia, le azioniste di maggioranza – Giuliana Albera Caprotti, moglie del fondatore, e la figlia Marina Caprotti – detentrici del 70% di Supermarkets Italiani, salgono al 100% della società acquisendo il restante 30% del capitale sociale di Supermarkets Italiani detenuto dagli altri figli Giuseppe e Violetta Caprotti. Marina e Giuliana pagheranno oltre 1,83 miliardi di euro, dei quali 535 milioni cash e 1.312 milioni con debito bancario.

Al fianco di Giuliana Albera e della figlia Marina, secondo quanto riportato da una nota, hanno agito l’avvocato Ferigo Foscari, socio dello studio White & Case, e l’avvocato Francesco Gianni, socio dello studio Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners.

Roberto Casati, socio dello studio Linklaters, ha rappresentato Giuseppe Caprotti, mentre Violetta Caprotti è stata stata assistita dagli avvocati Sergio Erede e Gianpiero Succi, entrambi soci dello studio legale BonelliErede.

Involved fees earner: Sergio Erede – BonelliErede; Francesco Gianni – Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners; Roberto Casati – Linklaters; Ferigo Foscari – White & Case;

Law Firms: BonelliErede; Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners; Linklaters; White & Case;

Clients: Albera Giuliana; Albera Marina; Caprotti Giuseppe; Caprotti Violetta;